Fracta Sativa: dalla canapa una speranza per la terra dei fuochi

Fracta Sativa UnicanapaL’associazione Fracta Sativa Unicanapa è nata il 27/4/2015 ed ha sede in Frattamaggiore (NA), un tempo importante centro di lavorazione e trasformazione della canapa. Non a caso negli anni ‘50 sul nostro territorio vi era una delle sedi del Lanificio Canapificio Nazionale dove, appunto, si lavorava la canapa.

Il nostro principale obiettivo è fare di questa pianta, dalle mille virtù, l’occasione per una ripresa economica locale, così da poter non solo bonificare i suoli (laddove si necessitano), ma soprattutto contribuire ad una “bonifica” del tessuto sociale, offrendo a tanti giovani l’opportunità di una occupazione per un lavoro ecosostenibile.  All’atto in cui riusciremo a concretizzare anche una sola piccola realtà imprenditoriale, con la conseguente creazione di posti di lavoro, avremmo, come dire, raggiunto l’obiettivo, meglio ancora, realizzato quanto da sempre auspicato dal preside Sosio Capasso. A questi, infatti, noi tutti dobbiamo un grosso ringraziamento se oggi in Italia si è ripreso a coltivare la canapa. Nel libro Canapicoltura: passato, presente e futuro (il testo è reperibile on line sul sito www.ist.atell.org) l’autore (a pag. 150/152) racconta del proficuo lavoro fatto negli anni ottanta/novanta, in collaborazione del CNR, affinché restasse vivo l’interesse sulla canapa, dopo che negli anni ‘70 ne veniva proibita ogni forma di coltivazione.
In data 4 dicembre 1997 l’allora ministro delle Politiche Agricole del tempo, l’On. Michele Pinto, inviava al preside Sosio Capasso, dal quale aveva precedentemente ricevuto un’ampia relazione socio-economica sugli usi della canapa, la seguente lettera:

«Caro Preside, in merito al problema relativo alla ripresa della coltivazione della canapa in Italia, sul quale abbiamo avuto modo di soffermarci, dando seguito alla promessa fattale con la mia nota del 15 ottobre u.s., ho il piacere di comunicarLe che, in data 2 u.s., ho firmato le disposizioni che permetteranno, nel corso della prossima campagna di coltivazione, l’avvio di un programma di graduale reintroduzione della coltura nel nostro sistema agricolo, da Lei tanto caldeggiata. Mentre provvedo ad inviarLe copia del provvedimento di cui sopra colgo l’occasione per porgerLe i più cordiali saluti».

Nella parte finale della premessa l’autore si augura che «la canapa, accolta can tanto favore, possa riaffermarsi e, specialmente nel nostro Sud, essere, con tecniche nuove e moderne, fattore di positivo sviluppo economico, motivo della creazione di tanti nuovi posti di lavoro».

Ed è proprio questo augurio a costituire l’intelaiatura portante del pensiero della nostra Associazione, il principio informatore, il filo conduttore. Per una ripresa economica locale strutturale, si è infatti ritenuto che oltre alla coltivazione della canapa o all’impianto di prima trasformazione, occorrano, in modo che tutti possano procedere contestualmente, interfacciandosi e coordinandosi tra loro, i settori di competenza, quali, appunto, la cultura, la ricerca scientifica, la formazione, l’informazione, l’incentivazione. Noi, come associazione Fracta Sativa Unicanapa, crediamo che per la rinascita economica di un territorio, come il nostro (Terra dei fuochi), da tempo inariditosi per mancanze di iniziative e di stimoli, non occorrano grandi aziende, piuttosto una fitta rete di micro e piccole imprese impegnate in tutti i comparti possibili, dalla coltivazione alla commercializzazione dei prodotti derivanti dalla canapa.

Avvocato Nicodemo Di Michele – Presidente Fracta Sativa Unicanapa

commenti su facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *