Calabria: polizia sequestra coltivazione di 5mila piante, ma si trattava di canapa industriale

polizia sequestro canapa industriale
Le piante sequestrate dalla polizia

“Nel primo pomeriggio odierno, Agenti del Commissariato di P.S. di Catanzaro Lido e della Squadra Mobile della Questura di Catanzaro, hanno proceduto al sequestro di 5730 piante di Marijuana, rinvenute presso un appezzamento di terreno sito in località Catanzaro Lido, ubicato nell’area collinare/agricola compresa tra le vie Eraclea, Sicilia e Izzi de Falenta”.

Inizia così il comunicato della Polizia di Stato, riportato da diverse agenzie e quotidiani locali, che dava notizia del sequestro di 5730 piante di marijuana in un campo nella zona di campagna di Catanzaro Lido. Peccato che fosse una coltivazione di canapa industriale, debitamente denunciata dai coltivatori e del tutto legale.

Con la coltivazione di canapa industriale legale dal 1998, evidentemente non sono bastati 17 anni per fare in modo che gli equivoci derivati dalla mala interpretazione della legge antidroga degli anni ’70 cessassero del tutto. Soprattutto in un momento in cui sono forti le spinte e gli sforzi per fare in modo che la canapa italiana torni ad avere il posto che le spetta nel mondo, con tutti i vantaggi ambientali, sociali ed economici che ne deriverebbero.

Il campo prima del sequestro
Il campo prima del sequestro

“Mi ha chiamato il ragazzo che è titolare del campo, tra l’altro è il più giovane dei nostri associati”, ci ha raccontato Luigi Critelli, vicepresidente dell’associazione Punto Verde, filiera corta della canapa creata da Antonino Chiaramonte e che è un’associata di Assocanapa. “Aveva appunto letto un articolo online che parlava del sequestro. Sembrerebbe che la cosa dipenda dal fatto che da alcuni giorni dei ragazzi andavano a raccogliere delle piante dal campo, probabilmente non sapendo che è una coltivazione di canapa ad uso industriale e quindi con livelli di THC inferiori allo 0,2%”.

“Noi – continua Luigi Critelli – ci siamo rivolti ad un avvocato che tutelerà gli interessi del nostro associato. Ora stiamo valutando cosa fare con Assocanapa, associazione di cui Il Punto verde è associata, che ha un ufficio dedicato a queste faccende. E la cosa grave è che non è la prima volta che accade, anzi in questi anni abbiamo già assistito a diversi sequestri di coltivazioni perfettamente legali”.

“Avevamo fatto la comunicazione preventiva come facciamo di solito per questo siamo rimasti stupiti. Secondo me l’episodio conferma che non ci sarà mai una legge che potrà ridare alla canapa la dignità che merita. Sicuramente c’è bisogno di regole che disciplinino la coltivazione e la produzione di derivati, ma secondo me andrebbe liberalizzata in toto come pianta. Ora l’appuntamento è per la fiera Canapa Può, bisogna smetterla con gli spauracchi, chiamano le cose col proprio nome, la canapa è una pianta”.

Dal 24 al 27 settembre infatti a Crotone andrà in scena Canapa Può, prima fiera dedicata esclusivamente alla canapa industriale con convegni, workshop ed esperti. Le 4 giornate sono state divise richiamando 4 parti della pianta di canapa e 4 distinte filiere. Giovedì 24 si partirà con il fusto e quindi canapa tessile e bio-edilizia, venerdì 25 il seme e quindi alimentazione e nutraceuitca, sabato 26 foglie e fiori e quindi farmaceutica e cosmetica e domenica 27 radici per parlare delle capacità di fitodepurazione dei terreni della canapa.

“Sarà un’occasione per fare informazione su questa pianta e parteciperanno esperti di ogni settore oltre ad un luminare come il professor Francesco Santopolo, agronomo calabrese impegnato da anni nel settore dell’agricoltura biologica e nell’utilizzo degli insetti nei campi per combattere gli organismi patogeni delle colture senza l’utilizzo della chimica, che sarà presente domenica”.

L’augurio di Luigi Critelli è quello di “innescare una serie di avvenimenti e convegni a catena andando avanti e informando più persone possibili. Speriamo che anche questo incidente di percorso sia l’occasione buona per fare in modo che non accada più”.

Redazione canapaindustriale.it

 

commenti su facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *