Banca del seme in USA: 500mila dollari e 5 anni di tempo per le nuove genetiche di canapa

La Cornell University di New York ospiterà la prima e unica banca del seme per le genetiche di canapa industriale americane. Vi avevamo raccontato come gli USA, guardando avanti in un business che continua a crescere, hanno investito 500mila dollari per la creazione di nuove varietà di canapa che possano essere coltivate alle diverse latitudini degli Stati Uniti.

Secondo i ricercatori le prime nuove genetiche potrebbero essere pronte nei prossimi 5 anni e saranno sviluppate presso AgriTech, il campus dell’università che a sede a Ginevra nello stato di New York, nel progetto denominato “Industrial Hemp Germplasm Repository“.

Il servizio di ricerca agricola del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA-ARS), che ha messo a disposizione i fondi, manterrà il germoplasma e collaborerà con gli scienziati della Cornell University, con i quali già lavorano su progetti dedicati ad altre colture come uva, mela, ciliegia e pomodoro. La banca del seme collaborerà anche con gli agricoltori sviluppando nuove cultivar potenti e resistenti ai parassiti.

“Maggiore è il germoplasma a cui gli scienziati hanno accesso, maggiori sono le possibilità che noi alleveremo piante utili, sia per la gestione di parassiti o in climi specifici“, ha sottolineato Larry Smart, professore nella sezione orticoltura della Cornell’s School of Integrative Plant Sciences (SIPS). Secondo il professore la struttura è una risorsa necessaria che è essenziale per fornire migliori risorse ai coltivatori di canapa.

Redazione di canapaindustriale.it

commenti su facebook