Il consorzio di EIHA riceve l’ok dall’FSA: i prodotti a base di CBD possono essere venduti in UK

24 Marzo 2021 | Alimentare, Economia e politica

“Una svolta per il CBD a spettro completo – EIHA Novel Food Consortium passa il controllo amministrativo da parte della FSA”. Con queste parole la EIHA, associazione europea per la canapa industriale, ha annunciato che il consorzio per i Novel Food ha passato i controlli della FSA e quindi i prodotti a base di CBD (full spectrum e isolato naturale) delle aziende che fanno parte del consorzio, possono essere venduti nel Regno Unito (UK).

“Siamo lieti di annunciare che sia il CBD a spettro completo che l’isolato naturale dei partner del consorzio EIHA possono rimanere in vendita sul mercato del Regno Unito, dopo che entrambe le applicazioni hanno superato il controllo amministrativo chiave da parte della FSA del Regno Unito”, sottolineano infatti dalla associazione.

La FSA ha confermato all’EIHA che entrambe le domande sono state considerate conformi ai requisiti amministrativi. Tuttavia, la convalida ufficiale sarà sarà concessa solo dopo i risultati degli studi tossicologici in corso. E’ una sorte di pre-validazione, che però dovrà essere confermata.

“Avendo avuto l’onore di rappresentare l’EIHA e l’interesse del settore della canapa nell’incontro con la FSA per diversi anni, provo gratitudine e sollievo che la nostra voce sia stata ascoltata e ringrazio la FSA per la sua posizione progressista nell’offrire un percorso di conformità”, ha sottolineato Catherine Wilson, vicepresidente dell’EIHA.

Lo studio EIHA sul THC sugli esseri umani, condotto da ChemSafe in laboratori GLP, inizierà inizierà quest’estate. Il risultato dello studio clinico sul THC permetterà alla FSA di determinare e stabilire i livelli di consumo sicuro delle tracce di THC presenti in natura negli alimenti e negli integratori a base di canapa. “Questo studio è il più grande mai intrapreso e noi anticipiamo tutti un risultato positivo basato su molti anni di consumo sicuro di alimenti e integratori a base di canapa”, concludono.

Redazione di Canapaindustriale.it

 

Iscriviti alla newsletter

Ricevi le news di settore e resta aggiornato!

Grazie!